E S P R E S S I O N I

      ALLA  FONTE

 

 

Terzo incontro

 

 

Comunicato stampa

 

Venerdì 7 aprile a Saltara alla ex Chiesa Della Fonte, come ogni primo venerdì del mese, alle 21.15, si è svolta la terza serata dell’ iniziativa artistica “espressioni alla fonte”, iniziativa autogestita e priva di finanziamenti pubblici, ideata e coordinata da Maurizio Rondina, con il supporto organizzativo di PerCorsi Paralleli, e l' insostituibile collaborazione di vari volontari, e di vari artisti locali.

 

La partecipazione è stata numerosa, per una manifestazione di questo genere, confermando l' interesse già evidenziato per le 2 serate precedenti. Circa 70 persone hanno seguito con interesse i vari momenti espressivi, gli intermezzi e le ambientazioni.

 

Si è trattato di un vero e proprio intimo salotto, senza alcun distacco fra il proscenio ed il fruitore, tutti erano disposti in circolo, ed anche gli artisti che gestivano il proprio spazio espressivo, erano seduti nella stessa platea, proprio in mezzo al pubblico.

 

Nel corso della serata vi sono stati 4 spazi di approfondimento, il primo sull' arte digitale di Silvia Boldrini: sono state visionare suggestive opere pittoriche realizzate interamente al computer, e anche in tecnica mista ovvero con uso di tecniche tradizionali, scannerizzazione e rielaborazione grafica al computer. Silvia ha mostrato la sua grande passione, spiegando la genesi e gli stati d' animo che hanno originato le varie opere mostrando di essere veramente in simbiosi con esse. A seguire Matteo Marini (canto, armonica e chitarra acustica) e Tommaso Farina (pianoforte) ovvero il duo musicale T&T nella casa acustica, hanno presentato due brani inediti di loro composizione, ispirati allo stile dei cantautori italiani. Molte le affinità con il De Gregori o il Bennato degli anni 70 e 80, con testi originali ispirati ai racconti di Cesare Pavese. A seguire due spazi abbastanza ampi: Vittorio Ricci, Tiziano Mancini e Pierluigi Montesi, hanno spiegato la loro esperienza in Metis Film, che li ha portati a realizzare produzioni video (dirette televisive per la Rai, produzione di opere liriche in DVD) nei principali teatri di tradizione italiani (la Fenice di Venezia, il San Carlo di Napoli, lo Sferisterio di Macerata, solo per citarne alcuni). Ampio spazio è stato dedicato alla visione di brani tratti dal repertorio lirico, ponendo l' accento su tutti i linguaggi comunicativi ed espressivi utilizzati nel teatro musicale, e sulle problematiche legate al delicato equilibrio fra gli stessi. La serata si è conclusa con la relazione di Nino Finauri, che ha posto in relazione le varie forme, d' arte in una esposizione che ha toccato tematiche storiche, estetiche e funzionali, classificando le varie arti, la loro funzione, i loro limiti, e le loro potenzialità. Un occhio particolare è stato dedicato all' architettura ed al tema "l' architetto è un artista?". La parte conclusiva è infatti stata dedicata alla visione di realizzazioni architettoniche dei vari Le Corbusier, Renzo Piano, ecc.  e di qualche interrogativo posto sulle grandi opere pittoriche, spesso prese a pretesto per nuove idee, o per semplici riproduzioni.

Al termine uno spazio di discussione libera, con sottofondo musicale jazz proposto dai musicisti Maurizio Rondina, Roberto Renzoni, Giacomo Pietrucci, Matteo Giuliani, e Michele De Blasiis. La serata è stata intercalata dall' intermezzo "il profumo del gusto"  proposto da Nadia Iachetti, cuoca, e Albino Cespuglio, sommelier, e dall' ambientazione olfattiva realizzata con l' evaporazione di oli essenziali alla mirra a cura di Giorgia Panaroni.

L’ appuntamento è per il prossimo primo venerdì del mese, il 5 maggio. Per chiunque, artista professionista o dilettante che sia, volesse richiedere liberi spazi espressivi, con qualcosa di forte ed interessante da comunicare, può inviare la propria richiesta, spiegando i contenuti del proprio “spazio espressivo” ed indicando i minuti e l’ attrezzatura necessari, all’ indirizzo email mail@mauriziorondina.it